Sassi di luce

Sassi di luce – F. A. Canavesio

Chissà se questi sassi di luce
dormono la notte
o la loro è una veglia
quando i cancelli sono chiusi

Qui non è come in montagna
dove la sera è un rado via vai
di vivi nell’ombra
con ciotole d’acqua e lumini

Si viene a parlare coi morti
per sentirli vicini
dare pace alla notte
e un soffio di vita ai ricordi

Qualcuno entra anche in chiesa
basta dare un giro alla chiave
da sempre appesa al chiodo
tra due pietre a fianco il portale

Dentro si prega in piedi
in ginocchio si fa più rumore
il silenzio del legno è amico
e basta un filo di voce

Finiti i grani si esce
la chiave ritorna sul chiodo
l’orologio è bianco di luna
al rintocco si deve tornare

lasciare la strada alle ombre

_________________________________________________
Franco Antonio Canavesio  –  Sassi di luce  –  31 ottobre 2012