Da tanto

Il mio fido compagno

Da tanto non vivo un tramonto
filo d’erba tra i denti
la spalla di un amico al fianco
quando i raggi vanno obliqui sul muro
e se dai un respiro più forte
si scosta una nuvola in cielo

E il cane sbadiglia e ti apre la mano
struscia il muso sul palmo
freme l’orecchio al silenzio
all’alterno tepore
che va e che viene
col respiro incerto del sole

__________________________________________________________________
Franco Antonio Canavesio – Da tanto – 11 giugno 2013

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.