Paglia di Firenze

paglia di firenze

Di tre quarti lo scatto e dall’alto
la falda ti inombra la guancia
potresti sembrare già donna
ma il fiore confetto ride dell’ingombro di paglia e del nastro
arno d’argento

E la mossa di smontare dall’auto è da attrice
una mise disegnata sui fianchi
stretta il giusto alla vita la veste scollata
in rosa e bianco a “puà”

Lampo di un matrimonio anni cinquanta
di fronte alla chiesa
tu sedici anni
damigella tre volte più bella
sbocci improvvisa
da mettere in crisi la sposa

i miei occhi sono per te.

_____________________________________________________________
Franco Antonio Canavesio – Paglia di Firenze – 29 Giugno 2013

Gli alberi e l’acqua

Gezi Park

Gezi Park

E gli alberi sono sentinelle nel piano di Taksim
traditi anche dall’acqua degli idranti
che brucia le radici

Fatevi brulli adesso
nell’estate che inizia
fatevi deserto
se il destino è dare ombra agli scudi di Erdogan

________________________________________________________________
Franco Antonio Canavesio – Gli alberi e l’acqua – 16 giugno 2103

Ai doni della notte

Minareti

Quando la corda risponde al tamburo
con onde che sciolgono i nodi
salgo muezzin al tramonto a cercare l’ultimo raggio
e intono il canto sommesso del tempo
sospeso sul finire del giorno

Tace e mi accuccio l’orecchio alla pietra del sacro
la vita di sotto e in alto le stelle di vita più antica
leggero il deserto scricchia la sabbia oltre la porta
apro con semplicità ai doni della notte

_____________________________________________________________________
Franco Antonio Canavesio – Ai doni della notte – 20 giugno 2013

Dentro una tasca

Dentro la tasca

Dentro una tasca bucata
ripiego il pensiero di te
che ogni notte distendo nel sogno
accanto al cuscino

fiore di seta quando la sfioro
spina se solo mi giro
rossa la macchia al risveglio
di scuro rubino

E di giorno la tengo al mio fianco
spero scivoli via
ma la mano continua a cercarti
e sale il timore
se a sera porto alle nari
l’odore
disfatto del fiore

Ritorna col sonno
la spina più acuta del pegno notturno
vermiglio il goccio di sangue
che vivo
intenso
al tuo fianco

____________________________________________________________________
Franco Antonio Canavesio – Dentro una tasca – 9 Giugno 2013

Regeneration

Regeneration - Cocoon, di Ron Howard

Regeneration – Cocoon, di Ron Howard

Quando ho bisogno siedo di fronte alle stelle
come in un fiume mi spoglio
e con gesto da film espongo la pelle

alieno buono mi faccio antenna del mondo
convoglio messaggi dagli astri
quel tanto che serve a sentire intero il mio corpo
non pretendo che l’acqua bolla sotto le piante
le mie gambe mettano ali o il sangue inverta il suo corso

mi basta ricucire i pezzi
col respiro del sole
dar voce al chiaro e allo scuro
sentire come mia
anche la parte negletta

_______________________________________________________________________
Franco Antonio Canavesio – Regeneration – 12 giugno 2013
Fotografia: Regeneration, dal film Cocoon, l’energia dell’universo (1985),di Ron Howard

Da tanto

Il mio fido compagno

Da tanto non vivo un tramonto
filo d’erba tra i denti
la spalla di un amico al fianco
quando i raggi vanno obliqui sul muro
e se dai un respiro più forte
si scosta una nuvola in cielo

E il cane sbadiglia e ti apre la mano
struscia il muso sul palmo
freme l’orecchio al silenzio
all’alterno tepore
che va e che viene
col respiro incerto del sole

__________________________________________________________________
Franco Antonio Canavesio – Da tanto – 11 giugno 2013