Primavera

Edward Hopper - Rooms by the Sea, 1951

Edward Hopper – Rooms by the Sea, 1951

Attendo il giorno in cui due operai
senza pietà per il larice rosso
verranno a scardinare le finestre
e per breve tempo le stanze saranno aperte
senza barriere

ci saranno già le foglie sui rami dei tigli
a sfiorare la ringhiera
e la gazza azzarderà forse un volo sul davanzale
a raccattare schegge per rinforzare il nido

lo stupore sarà tale che al di là delle chiome
potrebbe anche distendersi un mare
con il suo andirivieni di onde
a occhieggiare tra uno scarmiglio di fronde

Se si aprirà il giorno col sole
non ci saranno scuri a fermarlo
e nemmeno veli a far da tenda
a una pubblica voglia di luce

e se metterò musica a tutto volume
la ascolteranno anche i vicini
e magari la colf filippina nella casa di fronte
attaccherà a cantare
o riderà di me
e del mio ballo senza ritegno
seminudo
alla primavera

_____________________________________________________
Franco Antonio Canavesio – Primavera – 16 marzo 2013
Edward Hopper – Rooms by the Sea, 1951

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...