Frammenti d’inizio stagione (II)

Cambio di stagione - Franco A. Canavesio

Cambio di stagione – Franco A. Canavesio

Primavera mi soccorre
barella di fragili corolle
disteso su un lenzuolo
di verde alto un palmo

Guardami dall’alto
non calcare l’erbe
volami intorno
io sto bene
qui
______________________________________________________________
Franco Antonio Canavesio – Frammenti d’inizio stagione (II) – 26 marzo 2013

Frammenti d’inizio stagione (I)

Riflessi - Salvatore  Greco

Riflessi – Salvatore Greco

Fa parte del gioco di una nuova stagione
lasciare gli umori di muffa
e mettere a nudo le stanze
una bella pulita
a far scintillare il quotidiano apparire

è di aiuto l’aprile che porta dal lavasecco
il montgomery (una volta era l’eskimo verde
ingobbito tra le grucce degli abiti smessi
non ho cuore a buttarlo)
e fa scendere di traverso la pioggia
a lavare ben bene anche le facciate

si comincia dallo zoccolo di granito
dalle lose del marciapiede
ma il brillare non confonde il fiuto dei cani
bastardi e di razza
che sentono le tracce fin dentro i muri

noi
ci si accontenta

_____________________________________________________________
Franco Antonio Canavesio – Frammenti d’inizio stagione (I) – 24 marzo 2013
Fotografia Riflessi – Salvatore Greco

All’anima femmina di una sedia

Savana Rocking Chair III designed by Jolyon Yates

Savana Rocking Chair III – designed by Jolyon Yates

Dritta la schiena in ginocchio
panca severa
fatica sublime fatica e preghiera
che allontana il bollore
salesiana ricetta per giovani casti
degli anni sessanta

e tu rivoluzione
che in un amen fai spazzatura dei vecchi precetti
sei quercia torta
dal fuoco di un semidio normanno
o chiglia sfibrata dall’onda
nei gorghi di maelström

il corpo mi offri flesso
di razza
indugio m’adagio
anima femmina cedi alla carne
e trovo immediata la giusta movenza
ancora ci separa la pelle
un gemito
quando tesa m’accogli

______________________________________________________
Franco Antonio Canavesio – All’anima femmina di una sedia – 23 marzo 2013
Savana Rocking Chair III designed by Jolyon Yates

Risveglio III

Meccanismo, movimento e soffiettti di un orologio a cucù - Germania, prima metà dell'Ottocento

Meccanismo, movimento e soffiettti di un orologio a cucù – Germania, prima metà dell’Ottocento

Conforta il risveglio che canta il mattino
quando prevale l’armonia interrotta dell’usignolo
sul primo rotolare d’asfalto bagnato

e non sai se sul ramo più alto
è uno a parlare a se stesso
o sono due a cercare l’amore tra l’acero e il tiglio

forse di fuori è già chiaro il giorno
e i troppi orologi di casa marcano a rintocchi ore diverse
così che di notte non so mai se è giusto
il tempo che vivo

______________________________________________________________________________
Franco Antonio Canavesio – Risveglio III – 21 marzo 2013
Foto – Meccanismo, movimento e soffiettti di un orologio a cucù (Germania, prima metà dell’Ottocento)

Come muri saldi

Vallone dei Mulini, Sorrento

Vallone dei Mulini, Sorrento

Come muri saldi alla roccia
pietra della stessa debole pietra d’appoggio
stiamo uniti amici precari
affidati a radici
che ad ogni risveglio tornano a morire nel verde

E in questa notte
sul limitare tra il sogno e il vero
sembriamo spettri
non per le occhiaie
aperte all’abisso di teneri sguardi
ma per quella scia di luce
ignara del salto
che eterna galleggia sull’acqua della roggia
e muove assi e macine
a dimensione di vita

Cemento verde ci unisce
confonde la terra e l’acqua
l’acqua e la terra
e la luce bianca
che s’affaccia
ogni giorno

___________________________________________________________
Franco Antonio Canavesio – Come muri saldi – 18 marzo 2013
Foto – Vallone dei Mulini, Sorrento

Primavera

Edward Hopper - Rooms by the Sea, 1951

Edward Hopper – Rooms by the Sea, 1951

Attendo il giorno in cui due operai
senza pietà per il larice rosso
verranno a scardinare le finestre
e per breve tempo le stanze saranno aperte
senza barriere

ci saranno già le foglie sui rami dei tigli
a sfiorare la ringhiera
e la gazza azzarderà forse un volo sul davanzale
a raccattare schegge per rinforzare il nido

lo stupore sarà tale che al di là delle chiome
potrebbe anche distendersi un mare
con il suo andirivieni di onde
a occhieggiare tra uno scarmiglio di fronde

Se si aprirà il giorno col sole
non ci saranno scuri a fermarlo
e nemmeno veli a far da tenda
a una pubblica voglia di luce

e se metterò musica a tutto volume
la ascolteranno anche i vicini
e magari la colf filippina nella casa di fronte
attaccherà a cantare
o riderà di me
e del mio ballo senza ritegno
seminudo
alla primavera

_____________________________________________________
Franco Antonio Canavesio – Primavera – 16 marzo 2013
Edward Hopper – Rooms by the Sea, 1951

Metamorfosi

Apollo e Dafne - Performance Gruppo Artistico Corposcenico - Sulmona 2006

Apollo e Dafne – Performance Gruppo Artistico Corposcenico – Sulmona 2006

Anche gli dei dell’oggi
anche i più dolci portatori d’amore
possono sbagliare
o per ferocia confondere l’oro col piombo
scambio di punte
dritti i dardi su legami già sciolti

e il biondo bagliore ti esalta
ti muove a me
incessante
insegue la fuga mia
dai sentimenti

Intanto l’opaco metallo diffonde
si fa scudo la corteccia
e pure dentro il desiderio lavora
insistente
mutare per tempo in altra forma
ornato di tenere fronde

se soltanto mi fossi voltato a guardarti
sarei vivo alloro
sempreverde
nel tuo giardino

________________________________________________________________________________________
Franco Antonio Canavesio – Metamorfosi – 11 Marzo 2013
Apollo e Dafne – Performance Gruppo Artistico Corposcenico – Sulmona 2006