La tua mano

Eduardo Chillida - Tindaya  (1996)

Eduardo Chillida – Tindaya (1996)

C’è rischio di perdersi al chiuso
con lo stesso sgomento del vuoto
che entra ed esce dai buchi
e non basta una lama di luce
a tagliare fette di muri
lontani ma duri
come fossero a un metro dal naso

sento il cemento vibrare
forza di terra
la polvere sale le nari
terra sul cielo
forse mi sento protetto dal chiaro
e il vuoto racchiuso ha un senso di chiesa
forza del cielo
la tua mano
mi accompagna

_________________________________________________________________
Franco Antonio Canavesio – La tua mano – 13 febbraio 2013
Foto  di Eduardo Chillida – Tindaya – 1996
_________________________________________________________________

Eduardo Chillida - Tindaya  (1996)

Eduardo Chillida – Tindaya (1996)

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...