Distante

Zdzisław Beksiński – Untitled

Dici di essermi amica e sei come la notte
alzi pareti di mattoni anneriti

non mi prende la danza dei tuoi filosofi
agghindati di smalto
impegnati a tracciare aforismi sui muri
complice quel cerchio di luna
artificio da planetario

Voglio godere la luce diretta del giorno
circondato da gente viva
che mi tocca
allacciando le braccia al mio collo
parla senza timore di usare parole di casa
di alzare la voce
guardandomi in fronte

e a te suona banale
quel tono fraterno che va nel profondo
e mi scalda nel petto

La luna riflette bagliori dai tuoi spazi mentali
giganti
un muto astro d’inverno
distante

________________________________________________
Franco Antonio Canavesio  –  Distante  –   Novembre 2012
Foto – Zdzisław Beksiński – Untitled

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...