Archivio

Accesi i capelli da un’instancabile voglia di fare
ti misuravi col nuovo di ogni colore
entusiasmo di scatti su un fondo robusto
capace a incassare
e far maturare anche le pietre

oggi posso dire che ho amato
il tuo interpretare il lavoro
e anche molto di più la tua figura
a quel tempo raccolta su fogli
rinchiusa in cartelle a colori
uno per ogni progetto nell’armadio d’ufficio

Farebbe sorridere adesso
scoprire che c’erano tracce di significati nascosti
ma sulla distanza i pudori vengono meno
rileggo per caso le carte
e salta fuori la voglia di fare chiarezza
raccontare quello che avrei voluto che fosse

forse solo convincere me stesso
che non c’è stato il vuoto
e quel mio perenne timore a coltivare

___________________________________________________
Franco Antonio Canavesio   –   Archivio   –   13 Novembre 2012

Colazione all’Etoile

Gustave Caillebotte – Vue de toits, effet de niege – 1878 – Musée d’Orsay

Quella notte la Ville Lumière finì sotto un palmo di neve

L’avevo vista così solo nei quadri all’Orsay
nelle cupole di zucchero a velo
impressioni d’inverno al Sacré Cœur
fissazione dell’amico Carrè

Dormito da cani in quella camera sghemba
ultima rimasta con affaccio al boulevard
dalla porta finestra una vista di taglio
sulla grandeur dell’Etoile

Colazione in pigiama, rintronato sguardo dai vetri
mi scuote la tromba del soffio di gelo
un attimo a vestirmi di corsa
scendere in strada, infilare di slancio

quel trionfo sfinito di bianco.

__________________________________________________________________
Franco Antonio Canavesio – Colazione all’Etoile – 21 novembre 2012