Di spalle

All’improvviso appari
un foulard fucsia poggiato alla spalla
seduta nella fila davanti
e sfogli a modo tuo il programma
partendo dal fondo

Non vedo amici intorno ed è strano
non uscivi mai sola la sera
A dire il vero anche l’opera non era la tua grande passione
e figuriamoci Wagner
con quell’idioma straniero che turba gli orecchi

Quasi mi vien da pensare di avere sbagliato
ma anche a sipario abbassato
è tua l’ombra ritagliata con grazia
nel controluce d’orchestra

Nessuna attenzione per l’attacco dei fiati
l’ouverture sei tu lì davanti e l’improbabile attesa
di un tuo sguardo all’indietro per avere conferma

Luci in sala applaudi con foga
e scivola dietro il foular ti volti
movenza elegante
raccogli dalla mia mano la seta
tra noi scambio di sguardi un sorriso

Lei ti somiglia
quando avevi trent’anni o poco più

Mi sorprende
anche lo stesso profumo

_____________________________________________
Franco Antonio Canavesio – Di spalle – 24 ottobre 2012

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...