Il dono

Mi hai parlato con insolita voce
capace di scherzare sulle ferite
porta di scambio veloce tra vecchio e nuovo

il dono è arrivato improvviso così immenso
da colmare ogni angolo vuoto della mente e del corpo
e scacciare ombre e incertezze

Fiducia in mani guantate e cellule da farsi alleate
che ancora non hanno imparato i tuoi ritmi
e lavorano con troppa foga
si spendono senza risparmio come i volontari a Firenze

Mi dici che passata la piena sarete diventati un tutt’uno
la sera ci sarà tempo per sedere insieme
pensare al prima e al dopo
miracolo davanti a un bicchiere
da bere a piccoli sorsi senza timore

______________________________________________________
Franco Antonio Canavesio  –  Il dono  –  22 ottobre 2012

Un pensiero su “Il dono

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.