Quel mucchio selvaggio

Giuseppe Penone – The Hidden Life Within

Il mio amico Aldo meglio non poteva definire quel mucchio selvaggio cresciuto dietro casa, durante i lavori. Tronchi, rami, assi, pezzi lavorati dalla natura e dal”uomo, ognuno con la sua anima, e si fa fatica farli a pezzi e gettarli nel fuoco.

Quel mucchio è cresciuto selvaggio
sul confine, all’ombra del tiglio

Rami schiantati dal gelo
tronchi piegati da troppe stagioni
una volta colonne nel prato
a segnare sui fianchi la strada

Assi in disuso incurvate
da autunni di barattoli in fila
conserve di frutta, composte
memorie di amori, dolci e salati

Legni con forme e funzioni
di cui non si è persa la traccia
se ascolti questo ricorda il rumore
l’andare e il venire di navette a scatti

sui nodi c’è il segno di tuo padre
la sua mano gigante governa il telaio
fibre ancora intatte impregnate di vita
forti e capaci di altri cent’anni

La lama si scalda è fatica tagliare

Tracce di vita fatte a pezzetti
ordinati in attesa del fuoco
L’inverno brucia i ricordi
chissà se sarà meno freddo

_________________________________________________
Da un’ispirata narrazione del mio amico Aldo

F. A. Canavesio – Quel mucchio selvaggio – 13 ottobre 2012
Fotografia – Giuseppe Penone – The Hidden Life Within

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...