In direzione del sud

Settembre si chiude in controluce
con voli di anatre in direzione del sud

stupisce il percorso
al tramonto sfilano alte sui coppi
tra orecchi di antenne e camini ormai in disuso.

Qui un tempo era campagna
un incontro casuale di fiumi intrecciava nastri di luce
e l’acqua faceva da specchio invito suadente alla sosta.

Se fossi io a volare
penserei che da basso c’è un mondo in ascolto
o forse abituato a sentire troppi segnali insieme
e non sa quali ascoltare

basta un’occhiata dall’alto per capire
che non vale la pena far tappa meglio un volo diretto
anche se costa fatica

sono in molti a pensarla alla stessa maniera
domani altri gruppi con passaggi ogni pochi minuti
previsione di cieli intasati in direzione del sud.

____________________________________________________________
Franco Antonio Canavesio   –   In direzione del sud    –    30 settembre 2012

Annunci

Turbamento

Henry Scott Tuke – Catching the light

A quindici anni
sono finiti i giochi innocenti
 al confine tra sabbia e mare
e lo stare addossato alla roccia
a scrutare sirene e delfini
ha un che di sensuale.

Questo contatto di pelle
con la pietra calda di sole
muove le voglie
l’occhio segue la curva
di un corpo disteso
ne traccia il contorno

con mano che trema
strappa il velo.

Un’onda sbolle il pensiero.

Luis Ribas – A la platja

_______________________________________________________
Franco Antonio Canavesio  –  Turbamento  –  agosto 2012

Grand Tour

Fotografia di Angelo Facchini

Non venitemi a dire che manca il respiro
che cè bisogno di spazi immensi
segnati da un nastro di strada
e tanta polvere e sole.

Qui la distanza non si conta
a giornate in sella a un cavallo
l’occhio trova sempre una casa, una pianta
un buon motivo d’indugio
per fermarsi e fissare un paletto
mai volesse qualcuno misurare
quanto cè da qui all’infinito.

Preferisco andarci a piedi
seguendo le curve d’asfalto
ogni tanto taglio dritto sui campi
per sentire l’odore dell’erba
e insieme far perder le tracce.

La mia direzione è il sud
viaggio a piccole tappe
con la luce diretta negli occhi
questo è il mio Grand Tour.

__________________________________________________
Franco Antonio Canavesio  –  Grand  Tour  –  26 settembre 2012

Bisogno di trasparenza


In treno da TO a MI
ho incontrato un presidente
filosofo e politico a sua detta
di quelli che amano stupire
con parole da campagna elettorale
……….

“E’ deciso, cambio sede
da tempo sto pensando
che devo andare incontro
al bisogno prorompente
di un’ esistenza nuova
che sia trasparente.
L’architetto mi ha promesso
un progetto che è un po’ pazzo
con i muri tutti in vetro
pavimenti di cristallo
trasparente anche il terrazzo.

Già ora ho dismesso scuri e tende
entri pure lo sguardo dei vicini
anche se in mutande
a fiorellini.

Di giorno lascio aperte le finestre
condivido fumi e odori
e si sa che mi faccio
e cosa mangio.

Ho piazzato una webcam
infrared
niente password per la rete
e un sensore hi precision che mi punta
di sicuro è uno scoop da sfruttare
notte e giorno in campagna elettorale.

Lei si chiede se con tutto sto guardare
ho problemi in quei momenti… con il sesso
le rispondo che da sempre io son casto
non mi passa per la mente
neanche in sogno.

Ora basta, la devo per forza salutare
mi aspetta una clinica privata
due fisici e un chirurgo extraterrestre
mi han proposto un intervento non banale
il trapianto di un cranio in cristalgel
durezza e trasparenza eccezionale.”

__________________________________________________________
Franco Antonio Canavesio – Bisogno di trasparenza – 24 settembre 2012

La seta di Irene

Irene Rossi – 2012

Per capire cosa vuol dire
stare appesi ad un filo
bisogna fallire la presa
il fiato legato ad un chiodo
sentire la frusta sui fianchi

… ma …

la tua è ombra che cala sicura
roccia su roccia di altro colore
pelle di gatto senza spessore
scivola a scatti senza rumore

Il filo che tiene non dà batticuore
forte e sottile bava di ragno
viene da dentro la seta di Irene
quanta ne serve lunga al bisogno.

____________________________________________________
Franco Antonio Canavesio – La seta di Irene – 23 settembre 2012

Contatto

Fotografia di Errikos Andreou

disteso

educato a pesare
sulla terra
coi piedi
viene meno il perchè
di un guscio

sottile

pelle prigione
capelli radici
linfa per l’occhio costretto
a flebo di luce

sento un viavai
di formiche

il verde intorno
che cresce
potrei non essere visto
da uno che passa
a lato


__________________________________________________________
Franco Antonio Canavesio – Contatto – 18 settembre 2012
Gustav Mahler,  Das Lied von der Erde (Il canto della Terra), 1908 -1909