Fuga da … Troia?

Non ho spalle larghe, mio padre è morto e neppure ho moglie e figli.
La luce di Delo, poi, non m’ha indicato la via per altri lidi.
Ma è certo, non ho dubbi, qui c’è puzza di bruciato.

Tra vapori e acro sentor di pire
andiam per luoghi solitari e bui
incerto il piede e l’avvenire.

Su spalle fiere il lion rassetto
e il padre e i sacri penati
il cuor suo odo e l’ansar del petto.

Iulo la mano sua nella mia serra
a fugar fantasmi, terrore e pianto
disfatta Creusa segue lassa l’orme.

M’è forza il peso fiero del passato
come vento spinge al trepido domani
oltre i flutti del pelago infuriato.

Degli dei il favore e il dritto fiato
gonfie le vele agl’itali lidi
a posar le chiglie sull’arenil disiato.

Là, seguirem di Delo il volere arcano
a generare novelle stirpi e genti
da governar con armi e scudo di Vulcano.
_______________________________________________________________________
Franco Antonio Canavesio – Fuga da Troia – (libero adattamento da Virgilio – Eneide – Libro II)

Annunci

One thought on “Fuga da … Troia?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...