Bucato

Mentre il cestello rigira
mutande lenzuola e calzini
pensano al fresco sui fili.

Mi andrebbe un tempo di valzer
magari in balera (fa caldo)
di quelli veloci da stare storditi
con le gambe e le braccia aperte
e la testa piegata all’indietro.

Una forza da dentro a fuori
strizza il nero dai pori
meglio di vanish + dashhhhh.

Silenzio, che vado a dormire.

_________________________________________
Franco Antonio Canavesio – Bucato – giugno 2012

Annunci

2 thoughts on “Bucato

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...