Sogno

C’è un sogno che viene ogni tanto
a tirare ai lampioni di notte
che già sono pochi, nascosti dai rami
e mi tocca di andare a tentoni.

Non è questione di luna
o di troppo aglio a cena
son buchi di vita profondi
riempiti da squadre incapaci
di manti rifatti a dovere.

Bastan due secchi di pioggia
le sgommate invadenti di un suv
a schizzare fuori la ghiaia
che proprio non riesce a legare
con ferite vecchie di anni.

Il sogno è un fascista, tira
i suoi colpi e scappa. Al mattino
i lampioni son spenti, comunque.
Non sai se per colpa dei sassi
o di cellule allergiche al sole.

Mi tocca aspettare la sera e
vedere se il viale si accende.
Va giù con palate di sabbia
un manovale sbucato dal niente.

Prima, ho sentito uno sbattere d’ali.

_________________________________________
Franco Antonio Canavesio  –  Sogno  –  giugno 2012

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...