Sentire il vento

Ci sono modi diversi
di sentire il vento buriano
suono vitale
i soffi di forza, incolore.

Tesi, nel letto, accucciati
la persiana sbatte, ogni tanto
sirene dal canto stonato
pulsano vani richiami.

Il naso sui vetri a guardare
bandiere di panni sui fili
tritura di foglie, corolle
gerani  in vaso, squassati.

Nell’odore di marcio dei bagni
la sabbia scricchia sui piedi
il vetro, vibra, si apre
uno sbuffo di tenda fa vela.

E’ forte! Tanto. Ma quanto?
Si legge dal coppo sfilato
dal fumo che esce a singhiozzo
il coccio a terra schiantato.

Dal mare che morde la sponda
i baffi increstati di spuma
dal fiocco teso a tamburo
il colpo del boma nel cambio.

Dal correre di nuvole, in alto
ombre sul grano segnato
da vermigli sfrangi di seta
papaveri in aria, scuffiati.

Ho aquiloni nel sangue, impazziti.

_______________________________________________
Franco Antonio Canavesio – Sentire il vento – maggio 2012

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...