Distanze

In quei pomeriggi d’estate
imbevuti di luce e di mare
noi posati sul bianco di
un letto neppure rifatto.

Vicini, ma non a sfiorare
incerti tra anima e carne
incapaci di dare e rubare
il fremito caldo dell’altro.

Rossi di sole e di fuoco
gli occhi da non incrociare
il timore di mostrare a nudo
i segni nascosti del vero.

Distante una papera bianca
dal collo nastrato di seta
ripeteva a gabbiani straniti
incessanti richiami d’amore.

Franco Antonio Canavesio – Distanze – maggio 2012

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...